Come Creare Marionette con Scatole

Le scatole possono essere usate per varie cose, anche per creare marionette. Se sei interessato all’argomento, leggi bene la seguente guida, che è molto semplice e veloce da realizzare, che ti spiegherà in modo corretto tutto, passaggio dopo passaggio.

Occorrente
Una scatola vuota di cereali
Una scatola di thè vuota
Spago
Tempere
Cartone
Nastro adesivo
Corda da bucato

Come prima cosa devi prendere la scatola dei cereali e fare un buchino sulla parte superiore per il collo e due un po’ più in basso per le braccia e ancora più in basso altri 2 per le gambe.
Ora prendi la corda da bucato e tagliane 5 pezzi, uno per ogni parte della marionetta: fai attenzione che siano uguali.

A questo punto fai un nodo alla parte estrema dei fili e, dopo aver tolto il fondo della scatola, tira i fili dentro fino al nodo.
Ora riattacca il fondo alla scatola con il nastro adesivo e fai un foro a quella del thè, nella parte bassa; infilavi il pezzo di corda e poi annodalo all’interno della scatola.

Sul cartone disegna le mani e i piedi, ritagliali e facci uno buchino su ognuno, poi facci passare dentro la corda e annodala, questa volta all’esterno.
Ora colora il tutto con le tempere.
Infine, attacca un filo alla testa e due alle mani, che terrai poi con le dita delle mani, mentre quella della testa sul polso.

Come Conservare i Ciclamini

Ti hanno regalato una pianta di ciclamini e vuoi che si conservi a lungo? Anche se non sei un esperto di fiori ti basteranno pochi semplici gesti per curare nel tuo appartamento la piantina. Anche solo un vaso di ciclamini può donare un aspetto di freschezza alla tua casa.

Per mantenere belle e sane le piante di ciclamino già fiorite è necessario innaffiarle con regolarità per fare in modo che il terriccio resti fresco e umido. Fai attenzione a non far ristagnare l’acqua nel vaso o nel sottovaso. A tale scopo è bene collocare i vasi su vassoi riempiti di argilla espansa o ghiaia.

Per aiutare la fioritura posiziona i vasi in un ambiente fresco e molto luminoso. In appartamento la fioritura può durare anche due mesi. Non appena vedrai che esaurirsi la fioritura, è semplice accorgersene dal momento che le piante perdono quasi totalmente le foglie, diminuisci le innaffiature. Se vivi in una zona dal clima non troppo freddo puoi interrare in giardino la pianta.

In alternativa puoi sistemare la pianta in una serra fredda sul balcone, per consentire alle piante un periodo di riposo vegetativo. A settembre, dopo un rinvaso, si possono portare le piante in casa per ottenere nuovamente una fioritura anticipata a fine novembre o dicembre, e si ricomincia a fornire loro acqua.

Come Conoscere la Composizione di un Terreno

Volete misurare la permeabilità di un terreno scientificamente? Non avete attrezzi scientifici per farlo? Allora seguite questa guida e in pochi passaggi sarete in grado di sezionare il terreno e misurare la sua permeabilità in modo del tutto economico.

Occorrente
Paletta
Bicchiere vetro
Bottiglietta
Carta Assorbente

Il terreno è un miscuglio di diversi componenti. Per separare questi componenti uno dall’altro, procedi nel modo seguente. Prima di tutto disgrega il terreno, riducendolo in particelle piuttosto piccole; con un cucchiaio o con le mani, Ora poni la terra in un bicchiere di vetro e aggiungi dell’acqua, almeno tanta quanto è il terreno.

Mescola con un cucchiaino, in modo che le particelle di terra vengano portate a galla dal moto dell’acqua. Lascia riposare il bicchiere e osserva; vedrai che le particelle di terra si portano verso il fondo e quelle più pesanti scendono prima delle altre. Così si separano i componenti. Dopo alcuni minuti, infatti, il deposito appare formato di più strati; sul fondo i sassi e la sabbia, poi il terreno limoso, quello argilloso e, sopra, pezzi di foglia e di legno.

Da un foglio di carta assorbente (o anche da un pezzo di giornale) taglia un cerchio, piegalo e sistemalo in un imbuto. Riempi di terra l’imbuto fino a metà e poi versa lentamente dell’acqua fino all’orlo dell’imbuto. Osserva l’orologio e misura quanto tempo impiega l’acqua a colare; più la terra è permeabile, più rapidamente passa l’acqua. Ripeti l’esperimento con terreni diversi e confrontane la permeabilità.

Come Pulire i Tappeti

Solitamente i nostri tappetti rimangono in casa tutto l’inverno, è un lavoro che si deve svolgere in primavera e che richiede qualche tempo. Dovremmo cercare , oltre che pulirli, anche di risvegliarne i colori. I grandi tappeti del soggiorno,permettono di ottenere ottimi risultati.

Una certa attenzione bisogna averla con i tappeti antichi, perchè si possono danneggiare semplicemente passando l’aspirapolvere. Vietatissimo il battitappeto, meglio una spazzola o meglio ancora il battipanni di canna. Per rimuovere la polvere senza recare alcun danno, basta capovolgere il tappeto ed usarlo in questa posizione, camminandoci sopra, per qualche giorno. Le eventuali macchie possono essere rimosse con la benzina ed un panno di lino bianco.

Procedete a piccoli passi, facendo un test di prova su una parte piccolissima della macchia. Sospendete l’intervento se vedete comparire anche solo un minimo alone di colore sullo strofinaccio che avete usato. La moquette ed i tappeti sintetici possono essere rinfrescati con poca spesa, con il bicarbonato. Basta distribuire uniformemente, lasciare agire per un quarto d’ora e rimuovere con l’aspirapolvere.

Se i mobili hanno lasciato la loro impronta sul tappeto, ricorrete al getto di vapore del ferro da stiro, da usare sollevato sulla parte ammaccata. I tappeti di paglia vanno spazzolati con acqua tiepida e sale e poi lasciati asciugare all’aria. Per pulire le stuoie di cocco ci vuole la liscivia ed una spazzola dura. Allo zerbino vegetale andrà bene un bagno in acqua salata.
Lasciatecelo per qualche ora e poi fatelo asciugare all’aria. Questo trattamento è da fare anche allo zerbino appena acquistato. Durerà di più. Per rimediare agli strappi che spesso occorrono nei tappeti intrecciati, meglio del rammento, è l’adesivo trasparente per tessuti che viene venduto nei colorifici.

La parte più delicata del tappeto sono le frange, sono le prime a consumarsi. Per conservarle più a lungo vi consiglio di passarle sul rovescio con della colla diluita. In questo modo rimarranno anche più tese ed ordinate. Stesso trattamento vale per i bordi del vostro tappeto.

Molto efficace risulta essere anche il vapore, e quindi è possibile utilizzare una scopa a vapore. Per scegliere il dispositivo giusto è possibile vedere questa guida sulla migliore scopa a vapore.
Se vuoi pulire un tappeto con la scopa a vapore, prima di lavarlo devi passare la scopa o l’aspirapolvere per togliere lo sporco.

Come Preparare Maschera Viso con Yogurt e Miele

Il miele e lo yogurt vengono usati tantissimo nell’industria cosmetica visto le proprietà di questi prodotti.

Anche in casa possiamo preparare delle maschere a base di yogurt e miele, con l’aggiunta di altri prodotti, in base al tipo di pelle che abbiamo. Le maschere che hanno alla base questi prodotti aiutano a idratare e nutrire la pelle e danno alla cute un effetto raggiante e luminoso, aiutano a chiudere i pori e donano un colore uniforme alla nostra pelle.

Il miele, tra le sue tantissime proprietà ricordiamo che è un antibatterico naturale (infatti si usa su tagli, scottature, cicatrici, ecc), ha proprietà astringenti, dona ai tessuti l’apporto necessario di vitamine ed enzimi è un cicatrizzante, adatto anche contro le scottature solari. Viene usato spesso nelle maschere anche per il fatto che è un legante, tiene insieme tutti gli ingredienti. Pensate che si narra che anche Cleopatra usava il miele per mantenere bella la sua pelle!
lo yogurt ha proprietà esfolianti, aiuta a chiudere i pori e stimola la produzione di collagene (sostanza necessaria per mantenere l’elasticità della pelle e per prevenire le rughe). A differenza degli esfolianti aggressivi e troppo forti (non raccomandati per le pelli secche e sensibili), lo yogurt , specialmente insieme al miele pulisce il viso in modo delicato, dandole anche l’idratazione necessaria.

Adesso vediamo come ottenere le maschere

Maschera esfoliante per pelle secca e sensibile
1 cucchiaino di yogurt, 1 cucchiaino di miele, un cucchiaino di nocciole tritate e 4-5 gocce di olio di oliva.
Mescolate tutto e quando avete ottenuto un prodotto omogeneo applicatelo sul viso senza massaggiare, lasciandolo agire per circa 10 minuti, dopodiché lavate via con acqua tiepida.

Maschera esfoliante per pelli grasse:
1 cucchiaino di yogurt, 1 cucchiaino di miele, un cucchiaino di nocciole tritate e 4-5 gocce di succo di limone. Mescolate insieme tutti gli ingredienti e applicate sul viso per circa 10 minuti. Trascorso questo tempo lavate il viso con acqua tiepida.

Maschera nutriente e vitaminizzante:
2 cucchiaini di yogurt, 1 cucchiaino di miele e 1/2 banana frullata. Mescolate il tutto e applicate sul viso per 10 minuto,poi risciacquate il viso con acqua tiepida.
Se la vostra pelle è molto sensibile o soffrite di acne, usate il miele di acacia, infatti l’estratto di questa pianta ha proprietà calmanti e viene usato anche come anti-irritante, mentre lo yogurt se è possibile acquistatelo artigianale o almeno biologico (anche se non avete la pelle sensibile è sempre meglio preferire questi tipi di yogurt). In quanto riguarda la consistenza delle maschere, se per caso risultano troppo molli si può aggiungere un po di farina di avena, un po’ di crusca o farina di canapa, anche questi prodotti contengono dei principi attivi che aiutano la nostra pelle.
Ricordatevi sempre di fare le prove allergiche prima di usare qualsiasi tipo di maschera, se notate irritazioni o effetti avversi non usatele e lavatevi immediatamente il viso, anche se sono al 100% naturali anche questi prodotti possono creare delle reazioni indesiderate alla pelle. Adesso anche voi conoscete i metodi giusti per fare delle maschere nutrienti ed esfolianti fai da te con pochi ingredienti e a basso costo come lo yogurt e il miele