Come Arrivare a Visakhapatnam

Visakhapatnam è una città molto affascinante dell’India,che attrae molti turisti grazie alle sue spiagge incontaminate e ai paesaggi seducenti. Questa città portuale è anche collegata con le altre parti dell’India per via ferroviaria e stradale. Ecco quindi come arrivare a Visakhapatnam.

In treno
La linea Kolkata-Chennai ti permetterà di raggiungere facilmente la città. Da qualunque città importanti del paese potrai raggiungere Vishakhapatnam. Questo oltre ad essere un modo extra economico di viaggio, ti permetterà non di meno di godere di tutto il meraviglioso paesaggio indiano.

In Nave
Questo è un modo per arrivare a Visakhapatnam non molto popolare, ma è anche molto economico, quindi se il tuo viaggio è a budget ristretto è certamente l’opzione migliore. Il Golfo del Bengala collega molte metropolitane importanti come Calcutta a Visakhapatnam, quindi se un viaggio non molto comodo e un pò lungo non ti spaventa, questa potrebbe diventare la tua prima scelta.

In auto
Vishakhapatnam ha un’ampia rete di strade, ben collegate con tutte le città del paese. Vishakhapatnam si trova sulla Strada Statale 5, che collega Howrah e Chennai. Un consiglio, se vuoi avere un viaggio confortevole e scorrevole, è quello di attenerti solo alla Statale 5, quasi tutte le altre opzioni sono sì più veloci, ma non di meno molto più impervie.

Come Allenare la Resistenza

Allenare il nostro fisico significa allenare la nostra resistenza e ciò farà bene a noi e alla nostra mente. Basta darsi la sveglia. Basta volerlo, e non certo per soli due o tre giorni, uno o due mesi, ma cercare di seguire una regola che imposti e cadenzi l’attività fisica scelta come determinante per la nostra salute.

Non c’è bisogno di fare ricadere la scelta su chissà quale sport. A meno che non ci sia una vera e propria passione. Per il momento basta semplicemente una camminata veloce, andare in bici o nuotare. Basti pensare che un allenamento continuo da farsi anche per tre volte la settimana a giorni alternati, contribuisce sensibilmente ad aumentare le nostre difese immunitarie e quindi la nostra resistenza organica..

L’importante è non esagerare, l’attività infatti va svolta in modo rilassato, senza eccessi altrimenti non si adopererebbe più a migliorare la nostra resistenza organica, ma finirebbe per influenzarla. L’eccessiva attività porta infatti ad uno stress emotivo che indebolisce il sistema difensivo.

Si sopravvaluta ad esempio nel caso dello jogging da principianti, il carico fisico, il proprio peso,esponendosi non più ad un’attività che dovrebbe migliorare testa e corpo, ma contribuire in tal modo solo ad un affaticamento inutile e anche dannoso. Per tale motivo l’allenamento dovrà assumere toni lenti e costanti.

Se poi ci è impossibile seguire sport, per mancanza di tempo, per ritmi spesso serrati, si possono almeno inserire ogni giorno nella nostra vita delle piccole accortezze, prendere ad esempio l’autobus non proprio alla fermata più vicina a casa ma percorrere a piedi almeno una distanza di un paio di fermate; evitare se possibile l’ascensore almeno quando non abbiamo pacchi e salire le scale a piedi, ecc. Cercare cioè tutti quegli accorgimenti che permettano un pò di moto aiutando così il nostro corpo.

Per allenarsi in casa è anche possibile utilizzare attrezzi come l’ellittica, che permettono di fare attività senza sforzare in modo eccessivo il corpo. Per dettagli è possibile vedere le informazioni sul sito Ellittica.net.

Risulta essere appunto importante tentare in tutti i modi di camminare, di fare moto quotidiano. Ne va della nostra circolazione, della nostra salute, e la resistenza viene meno. La vita sedentaria non aiuta il nostro organismo, lo impigrisce ancora di più. Il corpo risponde ai ritmi che noi vogliamo dargli, si abitua a come vogliamo impostare infatti una camminata, una corsa, una bracciata di nuoto.

Per questo è necessario allenare il fisico, a qualunque età, anzi più lo abituiamo più nel tempo otterremo benefici. Più il nostro apparato risulterà rinforzato, rinvigorito, meno sarà soggetto a stati influenzali pesanti, a disturbi, a cause cardiache, a stress intellettivo. Un pò di moto aiuta il nostro corpo a tenerlo elastico nel tempo, sotto ogni aspetto. Se vi pare poco!

Come Arrivare a Gardaland

Gardaland è il parco divertimenti a tema più famoso d’Italia, classificato tra i primi quindici parchi a tema in Europa. Quindi, ti sei deciso ad andarci per rilassarti, per divertirti, per prendere una pausa dal lavoro, oppure vuoi portarci la tua famiglia. Ma abiti lontano, e vorresti sapere come arrivare a Gardaland.

Il famoso parco divertimenti a tema Gardaland si trova a Castelnuovo del Garda, in località Ronchi, sul Lago di Garda, tra Lazise e Peschiera a 20 km di Verona. Quindi, se vivi in Italia e ti puoi spostare con la macchina, puoi andare in auto. Devi prendere l’autostrada A4 Milano – Venezia seguendo le uscite: Peschiera del Garda o Sommacampagna. Nello stesso tempo puoi prendere l’autostrada A22 del Brennero e dovrai seguire l’uscita Affi.

Se invece preferisci guardare dalla finestrino il panorama, puoi prendere il treno oppure il pullman. La stazione di Peschiera di Garda ha un servizio gratuito di pullman-navetta da e per il parco con orario continuato, ogni 30 minuti, Se ti piace di piu viaggiare in treno troverai una serie di linee con partenza dalle principali città del nord Italia. Pero ti consiglio di guardare gli orari del treno del ritorno prima di partire, cosi eviterai di stare troppo aspettare il treno.

Se invece vivi all’estero, puoi arrivare in aereo all’aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca oppure all’aeroporto Gabriele D’Annunzio di Montichiari in base alle compagnie che trovi nella tua città e alle offerte che ci saranno per il periodo che hai scelto. Devi sapere anche che questi aeroporti i distano solo pochi km da Gardaland e ti conviene arrivare li. Quando arriverai, e in base ai giorni di permanenza, avrai la possibilita’ di scegliere tra i numerosi hotel nelle vicinanze del parco. Buon divertimento.

Come Arrivare a Cetara

Cetara è un piccolo centro marinaro della costiera amalfitana. La piccola cittadina è posizionata nella piccola conca ai piedi del monte Falerio. Risulta essere ricca di bellezze naturali. Ha un mare incantevole. Ricca di ristoranti, pizzerie, alberghi e altri divertimenti.

Possiamo raggiungere questo meraviglioso posto in diversi modi. In auto basta imboccare l’autostrada A3 Napoli – Salerno. Prendiamo l’uscita Vietri sul Mare e proseguiamo per la strada statale Amalfitana. Impiegheremo circa 60 minuti per arrivare al centro di Cetara. Il pedaggio autostradale ha un costo di circa 1,50 euro.

In alternativa possiamo raggiungere Cetara in treno. Se veniamo da Napoli basta raggiungere Piazza Garibaldi. Da qui ogni ora parte un treno regionale per Salerno che è la fermata che dobbiamo scendere. Dalla stazione di Salerno partono in coincidenza con l’arrivo del treno degli autobus che in meno di 40 minuti ci porteranno a destinazione.

Il costo del biglietto del treno è di circa 3,50 euro. Il biglietto lo possiamo acquistare nella biglietteria della stazione, in qualsiasi edicola, in quasi tutti i tabaccai e bar. Ha una durata di 180 minuti e comprende anche lo spostamento con l’autobus. Arrivati a Cetara oltre il mare possiamo visitare la chiesa di San Pietro. E non priviamoci nemmeno di una passeggiata nel centro storico alle prime luci del tramonto.

Come Scegliere tra Condizionatore Fisso e Condizionatore Portatile

Il climatizzatore fisso è un condizionatore d’aria installato sulla parete perimetrale di un appartamento. L’installazione necessita dell’intervento di personale specializzato. E’ solitamente situato nella parte alta della parete per ridurre al minimo lo spazio occupato e per avere una maggiore efficacia di rinfrescamento dell’ambiente interno.

Rinfrescamento
Il climatizzatore consente di regolare la temperatura e l’umidità di una stanza. Può servire generalmente una singola stanza dell’immobile. Risulta sessere pertanto necessario installare più climatizzatori fissi, uno per ciascuna stanza dell’immobile, oppure optare per un impianto di rinfrescamento per l’intera casa. In questo secondo caso i costi d’installazione e di acquisto sono maggiori. Il climatizzatore fisso non può essere spostato da una stanza all’altra dell’immobile. Una volta installato può offrire il servizio di rinfrescamento esclusivamente nella stanza in cui è stato installato. L’aria calda prodotta dal climatizzatore viene scaricata all’esterno tramite un condotto di collegamento con l’ambiente esterno realizzato nella parete. L’umidità raccolta dal climatizzatore, che in alcuni casi funziona anche come deumidificatore, è veicolata verso serbatoi, anch’essi posti nella parte esterna della casa (es. su un balcone). Per ottenere un rendimento elevato e ridurre i consumi di energia è consigliabile far lavorare il climatizzatore fisso con le finestre chiuse. Risulta essere anche consigliabile non settare il rinfrescamento dell’appartamento più di 5 gradi centigradi in meno rispetto alla temperatura esterna. Oltre al risparmio nel consumo energetico, lo sbalzo di temperatura tra un locale e l’altro della casa (o tra ambiente interno ed esterno) può causare danni alla salute.

Vantaggi del climatizzatore fisso
migliore rendimento rispetto ai climatizzatori portatili
minore ingombro (rispetto ai modelli portatili)

Svantaggi del climatizzatore fisso
non si può spostare da una stanza all’altra dell’immobile
non si può spostare dalla casa in cui è stato installato
necessita di installazione e manutenzione da parte di personale specializzato
implica un costo di installazione in termini di manodopera
prezzo di acquisto più alto (rispetto ai modelli portatili)
Riscaldamento e pompa di calore
Se il climatizzatore ha anche la funzione di pompa di calore, può offrire nei mesi invernali il servizio inverso e provvedere al riscaldamento dell’ambiente interno.

Tipi di climatizzatore fisso
I climatizzatori fissi possono essere climatizzatori monoblocco (quello più economico e più venduto tra i modelli di climatizzatore fisso) oppure essere composti da una o più unità interne collegate ad una o più unità esterne.

Il climatizzatore portatile è un mini elettrodomestico in grado di consentire il rinfrescamento dell’ambiente interno di una casa. Il climatizzatore portatile si distingue dal climatizzatore fisso per la sua caratteristica d’essere trasportabile con facilità da una stanza all’altra dell’immobile o da una casa all’altra. E’ alimentato ad energia elettrica e si collega alla normale presa della corrente di casa. Non richiede installazioni da parte di personale specializzato. E’ sufficiente leggere il manuale d’istruzioni per apprendere il funzionamento e le modalità di utilizzo del mini-elettrodomestico. Il prezzo di vendita è generalmente minore rispetto ad un climatizzatore fisso. In compenso, il climatizzatore portatile ha solitamente una minore potenza e un minore rendimento rispetto ai modelli fissi. Il serbatoio di raccolta dell’acqua può essere situato all’interno del climatizzatore portatile oppure esterno, in quest’ultimo caso l’umidità raccolta viene veicolata verso il recipente mediante un tubo di plastica. L’aria calda e la condensa viene espulsa mediante un tubo di gomma flessibile, posto tra il climatizzatore portatile e la più vicina finestra. Per questa sua caratteristica il climatizzatore portatile non consente l’utilizzo con le finestre chiuse, riducendo il rendimento ottenibile a parità di consumo energetico rispetto ai modelli fissi. La finestra aperta causa infatti una dispersione caldo freddo tra l’ambiente interno e quello esterno. Il climatizzatore portatile è collocato sul pavimento vicino alla finestra.

Vantaggi del climatizzatore portatile
Prezzo più basso (rispetto ai climatizzatori fissi)
Non necessita di installazione
Si può spostare da un locale all’altro della casa
Si può spostare da una casa all’altra

Svantaggi del climatizzatore portatile
Minore rendimento (rispetto ai climatizzatori fissi)
Maggiore ingombro
Minore potenza

La scelta tra condizionatore fisso e condizionatore portatile deve quindi essere fatta in base alle proprie esigenze.